Sezione salto blocchi

Città di Caserta

Sito istituzionale del Comune di Caserta

CENSIMENTO OBBLIGATORIO MATERIALI CONTENENTI AMIANTO (MCA)

comune sede
sab 18 gen, 2020

Censimento obbligatorio materiali contenenti
amianto (MCA). Formazione e/o aggiornamento
mappatura amianto ex DM 18 marzo 2003 n°
101.- Revoca ordinanza sindacale n. 59 del
11/7/2019 e contestuale emissione nuova
ordinanza - Integrazione allegati
IL SINDACO
VISTA la propria sindacale n. 59 dell’11/7/2019 con la quale venivano emanate disposizioni
circa il censimento obbligatorio di materiali contenenti amianto;
CHE in tale ordinanza non erano indicati i termini entro i quali provvedere alla compilazione
della scheda di rilevazione per il censimento degli edifici con presenza di materiali contenenti
amianto;
RITENUTO necessario, pertanto, revocare la citata ordinanza sindacale n. 59 dell’11/7/2019 e
contestualmente emettere nuova ordinanza
TENUTO CONTO:
che il D.M. 18 marzo 2003 n° 101 delegava le regioni e le province autonome di Trento e
Bolzano per la realizzazione di una mappatura delle zone del territorio nazionale interessate
alla presenza di amianto, ai sensi dell’art. 2/0 della Legge 23 marzo 2001 n° 93;
che con nota prot. 706894 del 26/10/2017 della Giunta Regionale della Campania – Direzione
Generale per l’Ambiente e l’ecosistema invitava ad effettuare e/o aggiornare il censimento
/mappatura dei siti pubblici e privati interessati alla presenza di materiali contenenti amianto
insistenti sul territorio comunale;
che a tal proposito venivano trasmesse le schede di rilevazione/auto notifica, predisposte
dall’ARPA Campania, da compilare e firmare dai proprietari dei manufatti contenenti amianto
e da inviare entro il 30 aprile 2018 alla Direzione Regionale Ambiente ed Ecosistema;
VISTO:

- l’art. 10 comma 1 della Legge n° 257/92 “Norme relative alla cessazione dell’impiego
dell’amianto”, la quale prevedeva l’adozione, da parte delle Regioni, di piani di protezione
dell’ambiente, di smaltimento e di bonifica ai fini della difesa dai pericoli derivanti
dall’amianto;
- il D.M. Sanità 06/09/94 redante normative e metodologie tecniche di applicazione dell’art. 6,
comma 3 e dell’art. 12, comma 2 della Legge n° 257/92 relativa alla cessazione dell’impiego di
amianto;
- i piani regionali di cui all’art. 10 della Legge n° 257/92 prevedevano, tra l’altro, il censimento
degli edifici nei quali fossero presenti materiali e/o prodotti contenenti amianto libero o in
matrice friabile, con priorità per gli edifici pubblici, per i locali aperti al pubblico o di
utilizzazione collettiva per blocchi di appartamenti;
- il comma 5 dell’art. 12 della Legge n° 257/92 impone ai proprietari degli immobili di
comunicare alle ASL la presenza di amianto floccato o in matrice friabile presente negli edifici;
- l’art. 12 del D.P.R. dello 08/08/94 “Atto di indirizzo e coordinamento per l’adozione di piani di
protezione, di decontaminazione, di smaltimento e di bonifica dell’ambiente, ai fini della difesa
dai pericoli derivanti dall’amianto, che indica gli elementi informativi minimi per gli edifici
pubblici, i locali aperti al pubblico e di utilizzazione collettiva, i blocchi di appartamenti;
CONSIDERATO
- che risulta necessario provvedere alla formazione della mappatura degli stessi manufatti;
- che la Parte IV del D.L.gs n° 152/2006 impone agli Enti Locali di esercitare i poteri e le
funzioni
di competenza in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati;
- che questo Comune intende dotarsi di un registro degli immobili nei quali è stata riscontrata
la presenza di materiale in cemento amianto per programmare i successivi e conseguenti
interventi;
- che il censimento, ai sensi del comma 2 art. 12 del DPR 08/08/94 ha carattere obbligatorio e
vincolante per gli edifici pubblici, per i locali aperti al pubblico e di utilizzazione collettiva e per
i blocchi di appartamenti;
- che, al fine di evitare rischi per la salute pubblica, occorre tenere sotto osservazione costante
ogni fonte di inquinamento e che tutti i materiali contenenti amianto (MCA) libero o in matrice
friabile, vanno bonificati nelle forme di legge, previa predisposizione di apposito Piano di
Lavoro per la rimozione, il trasporto, lo smaltimento dei materiali e la messa in sicurezza
dell’intero sito al fine di evitare dispersione di fibre nocive per la salute pubblica;
VISTI
la Legge 257/92 – “Norme relative alla cessazione dell’impiego di amianto”; 
 il D.M. 06/09/94 – “Normative e metodologie tecniche di applicazione dell’art. 6, comma 3 e
dell’art. 12 comma 2 della Legge n° 257/92;

 il D.P.R. 08/08/94 “Atto di indirizzo e coordinamento per l’adozione di piani di protezione, di
decontaminazione, di smaltimento e di bonifica dell’ambiente, ai fini della difesa dai pericoli
derivanti dall’amianto”;
 il D. Lgs n° 152/2006 e ss.mm.ii.;
le schede fornite dall’ARPA Campania;
RICHIAMATI
- Gli artt. 50 e 54 del DLgs n° 267/2000;
ORDINA
- la revoca dell’ordinanza sindacale n. 59 dell’11/7/2019 e la contestuale emissione di nuova
ordinanza:
- ai proprietari ed amministratori di immobili con copertura in lastre di cemento amianto;
- ai proprietari e/o amministratori di beni mobili ed immobili nei quali siano presenti materiali
a vista o prodotti contenenti amianto, libero o in matrice friabile o compatta;
- ai titolari e/o legali rappresentanti di unità produttive;
- di provvedere a compilare l’allegata SCHEDA di AUTONOTIFICA (o di RILEVAZIONE)
per il censimento degli edifici con presenza di materiali contenenti amianto (MCA) scaricabile
direttamente dal sito internet istituzionale dell’ENTE (www.comune.caserta.it);
- a porre in essere, se del caso, le azione e/o gli interventi previsti dal DM 06/06/94, in via
cautelativa, al fine di eliminare eventuali condizioni di rischio per la salute pubblica, entro il
termine perentorio di giorni 90 (novanta) a decorrere dalla pubblicazione della presente.
AVVISA
che hanno l’obbligo di ottemperare alla presente Ordinanza anche:
- i soggetti già oggetto di precedenti provvedimenti relativi al rischio amianto mediante
Ordinanze, diffide o segnalazioni;
- chiunque, in caso di presenza di manufatti e/o coperture in cemento – amianto nel territorio
del Comune, può presentare segnalazione scritta;
- che, per l’inosservanza all’obbligo di informazione previsto dalla presente Ordinanza
sindacale, è prevista la sanzione amministrativa da euro 2582,20 a euro 5164,57 ai sensi della
Legge n° 257/92, art. 15 comma 4;
- che l’inosservanza delle disposizioni contenute nella presente, inoltre, sarà perseguita come
per legge, ai sensi degli artt. 347 e 650 del c.p.p.;
DISPONE
1) La pubblicazione della presente Ordinanza all’Albo Pretorio dell’Ente e sul sito istituzionale,
nonché la diffusione a mezzo stampa;
2) La trasmissione di copia della presente a:
Prefettura di Caserta
Documento firmato digitalmente
Dipartimento di Prevenzione ASL Caserta
ARPA Campania
Regione Campania-Direzione Generale per l’Ambiente l’Ecosistema – UOD 06 Bonifiche
Provincia di Caserta- Settore Ambiente
Comando Carabinieri di Caserta
Comando Polizia Municipale di Caserta
Settore Ambiente ed Ecologia del Comune;
Ufficio Attività Produttive del Comune.
Avverso la presente Ordinanza è ammesso, entro 60 gg. il ricorso presso il TAR Campania ed
entro 120 gg. ricorso straordinario al Capo dello Stato.
Ulteriori informazioni sono reperibili presso il Settore Ecologia - Ambiente negli orari di
apertura
al pubblico.

Allegato: allegato A.pdf (135 kb) File con estensione pdf
Allegato: allegato B.pdf (191 kb) File con estensione pdf

Condividi